Wayne Shaw con la maglia del Sutton - foto by Odds bible - twitter

Il Sutton United è una delle tante squadre londinesi che rendono speciale la città del calcio. E fu proprio il Sutton la piazza in cui il portiere Wayne Shaw, regalò perle di grande calcio.

Wayne Shaw con la maglia del Sutton - foto by Odds bible - twitter
Wayne Shaw con la maglia del Sutton – foto by Odds bible – twitter

Le tre vite

Wayne Shaw ha vissuto due vite al Sutton, la prima dal 2009 al 2012, la seconda dal 2012 al 2013 e la terza dal 2015 al 2017 e fu proprio nell’ultima esperienza che il secondo portiere della squadra londinese, che visto il suo poco impiego in campo era solito passare il tempo in panchina mangiando qualche Pies (si tratta di torte di pasta sfoglia ripiene molto popolari nella gastronomia britannica), di cui ne andava molto goloso. Il suo aspetto fisico di corporatura robusta testimoniava questo suo peccato di gola.

 

FA Cup

Questo bizzarro personaggio sali ai meriti della cronaca durante un quinto turno della FA Cup, dove il Sutton si qualificò dopo un’ impressionante scalata nei turni preliminari, e dove affrontò l’Arsenal (squadra che detiene il maggior numero di FA Cup vinte) che allora aveva in panchina il leggendario Arsene Wenger. Una partita che svegliò dal torpore il borgo londinese, che fece a gara per accaparrarsi un biglietto.

 

Pausa pranzo

I biglietti si esaurirono nel giro di poche ore. Si prospettava una partita suggestiva come se ne sono giocate tante in questa competizione dal sapore secolare e storico, tantoché anche le TV nazionali focalizzarono le loro attenzioni in questo scontro inedito. Le TV parlarono appunto di Wayne Shaw che richiamò la loro attenzione per il suo aspetto fisico e per questo suo vizio delle Pies, tanto da intervistarlo nei giorni che precedettero la partita, compresa un intervista nell’intervallo nel pub dello stadio che confina proprio con gli spogliatoi. Nel secondo tempo tutti si aspettavano di vederlo in campo, ma l’allenatore optò per altre sostituzioni e Shaw visto ormai che non avrebbe visto il campo, prese una Pie e cominciò a mangiarla mentre guardava i suoi compagni affrontare i Gunners in campo.

Wayne Shaw mangia il panino in panchina -foto by B-R Football-Twitter
Wayne Shaw mangia il panino in panchina -foto by B-R Football-Twitter

 

La mangiata e la scommessa

Un gesto che venne ripreso dalle telecamere e immortalato dalle macchine fotografiche presenti. il giorno dopo la foto di lui che mangia il panino fini su tutti i giornali del Regno Unito e oltre il canale della manica. Ma la cosa non finì qua, perche’ la FA notò un insolito influsso di giocate su un sito di scommesse, dove era quotata l’eventuale mangiata del panino da parte di Wayne Shaw. La federazione dopo aver svolto le sue indagini, scoprì che il portiere si era già messo d’accordo con la societa’ di scommesse e lo squalificò per due mesi, affibbiandogli anche una multa di 375 sterline per aver violato le norme che vietano ai tesserati di scommettere. Una squalifica che gli costo anche il licenziamento da parte del Sutton.

 

Controllo qualità

Un finale un po’ drammatico che però gli diede notorietà, tantoché una catena di supermercati gli offrì un posto come pie-tester (un operaio specializzato addetto al controllo della qualità dei prodotti). Dopo questa squalifica diede l’addio al calcio giocato e iniziò la carriera di dirigente sportivo come direttore commerciale della squadra dell’ AFC Totton, che milita in una delle categorie calcistiche della National League.

Di Alberto Zingales