Wealdstone - Photo by Il Calcio a Londra

Verso fine agosto nel calendario inglese si festeggia il “Summer Bank Holiday“, con i londinesi che approfittano di un giorno in più di vacanza per festeggiare la fine dell’estate.

In questo Bank Holiday siamo stati invitati dal Wealdstone FC, una squadra di National League che ha affrontato lo Yeovil.

Un nostro amico ha deciso di sponsorizzare il pallone della partita, e siamo stati suoi ospiti durante questa partita di campionato che si prospettava davvero interessante visto che i padroni di casa sono in testa alla classifica.

Per raggiungere il Grosvenor Vale, lo stadio dove giocano i “The Stones” siamo partita da Oxford Circus in direzione Ruislip Gardens.

Durante il nostro tragitto abbiamo trovato la metropolitana piena, con molti uomini e donne della comunità caraibica che si stavano recando al carnevale di Nothing Hill. Si tratta di una tradizionale festa caraibica che ricorda molto il carnevale brasiliano, con le comunità del mar dei caraibi che si vestono nei loro costumi tradizionali e invadono le strade a ritmo di danza.

Dopo essere stati testimoni di questa colorata folla che si recava a festeggiare il carnevale, abbiamo proseguito fino a Ruislip Gardens che si trova nel sobborgo di Hillingdon nell’ovest londinese.

Per arrivare al Grosvenor Vale abbiamo camminato per un quarto d’ora in una strada periferica di Londra, che alternava ai tipici cottagges scorci della brughiera inglese. Durante il nostro cammino scorgiamo i riflettori dello stadio in mezzo alle case, e ciò ci ha aiutato molto a trovare lo stadio che si trova incastonato come un gioiello intorno ad alcune abitazioni, dove dalla finestra del piano superiore della casa è possibile vedere il campo.

Una volta arrivati lo steward ci ha fatto accomodare in una delle sale della Hospitality, dove erano presenti anche altri sponsor della partita. Subito dopo che ci siamo seduti al nostro tavolo siamo stati accolti dal presidente Paul Rumens, che ci ha dato un caloroso benvenuto e si è seduto con noi al tavolo per scambiare due chiacchere.

Paul ci ha presentato anche a gli altri due sponsor del pallone, che erano seduti al nostro tavolo. Si trattava di una coppia che tifa il Wealdstone da sempre e il padre della donna è stato anche dirigente della squadra. La signora infatti ci ha intrattenuto con aneddoti sulla storia del club, come quell’anno in cui vinse uno storico campionato di National League, ma non ottenne i voti necessari per accedere nelle categorie della Football League (allora le nuove ammissioni in questa categoria venivano decise a votazione).

Dopo il pranzo ci sono stati consegnati i palloni con le firme dei giocatori di entrambe le squadre, e subito dopo ci siamo avviati nei nostri posti assegnati allo stadio. Noi siamo capitati nella tribuna centrale vicini alla sala stampa, e dietro di noi i presentatori della BBC commentavano la partita e ci sono stati molto utili soprattutto per conoscere i giocatori in campo.

Dopo un primo tempo molto intenso finito 0-0 e dove il Wealdstone è rimasto in dieci uomini dopo cinque minuti per l’espulsione di Hunt, siamo ritornati al nostro tavolo per un Half-time coffee” con la coppia con cui abbiamo pranzato a cui si è aggiunta un’altra coppia di amici con la quale abbiamo scambiato opinioni sul primo tempo, ma anche delle squadre inglesi per cui tifiamo. Prima della ripresa il presidente ci è venuto incontro al tavola e ci ha invitato per un rinfresco post-match.

Nel secondo tempo la musica non cambia, e nonostante le tante occasioni capitate a entrambe le squadre (con lo Yeovil che ha sbagliato un rigore con Linton che ha calciato alto sopra la traversa) la partita è finita con il punteggio di 0-0.

Il dopo partita lo abbiamo passato in compagnia del presidente e della dirigenza più gli sponsor ufficiali con cui abbiamo brindato con la tipica e tradizionale pinta di birra. Durante il rinfresco abbiamo anche assistito alla premiazione del “Man of the Match“, e a un discorso del presidente che ci ha anche ringraziato personalmente per aver aiutato la squadra in questa partita di campionato.

Dopo un pò di chiacchere con gli invitati e aver assistito alla partita del Barnet, una diretta concorrente del Wealdstone alla vittoria del campionato ci siamo congedati dalla Lounge presidenziale e ci siamo diretti verso la stazione di Ruislip Garden per riprendere il percorso verso casa.

Una partita che ci ha lasciato nel cuore tante emozioni ma soprattutto il calore e l’accoglienza della gente del borgo di Hillingdon.

Di Alberto Zingales

Privacy Policy