Queens Park Rangers

Sullo stemma del club è impressa una data ben chiara: 1882. Edward Bottle, il preside di una scuola londinese, il St Jude’s Institute, situata in Droop Street, fondò, insieme a un gruppo di giovani studenti, una squadra di calcio chiamata St Jude’s. Tra i fondatori più attivi c’era un certo Jack McDonald. Un altro personaggio fondamentale fu Fred Weller, che con l’aiuto di Gordon Young, il reverendo della Chiesa di St Jude, ebbe l’idea di fondere la squadra di calcio del St Jude’s con un piccolo club, che giocava in un quartiere vicino, il Christchurch Rangers, fondato da George Wodehouse
nel 1882.

QPR
Queens Park Rangers Vintage – Photo by Pinterest

Dall’unione delle due squadre nacque il Queens Park Rangers, che adottò questo nome intorno al 1886, dato che molti dei giocatori tesserati provenivano dal distretto di Queens Park, situato nel Nord-ovest di Londra.
Il Queens Park Rangers iniziò a giocare le partite casalinghe vicino a Harvist Road, in un lembo di terra abbandonato, ma le condizioni del terreno imposero un trasloco quasi immediato e la squadra si trasferì a Welford’s Field, dove l’affitto costava 8 sterline l’anno.
Dopo due anni la squadra si spostò nuovamente e trovò casa al London Scottish Ground. Le 20 sterline d’affitto annuo però scoraggiarono la società che, vista la poca affluenza di pubblico, dovette correre ai ripari e trovare una nuova soluzione.
Nel 1896 ci fu un ritorno alle origini e il Queens Park Rangers fece capolino dalle parti di Harvist Road, dove nel frattempo era stato costruito il National Athletics Ground, ribattezzato Kensal Rise Athletic Stadium. Dopo un paio
d’anni i costi di gestione della struttura diventarono sempre più elevati e l’unica soluzione fu quella di alzare il costo dei biglietti per assistere alle partite, da quattro pence si passò a sei. Ma non servì a molto. Le casse del club erano quasi prosciugate, gli stipendi in ritardo e il malumore sopravanzava.

Queens Park Rangers
Queens Park Rangers – Photo by Il Calcio a Londra


Alcuni giocatori lasciarono la squadra e per convincere gli altri a rimanere la società decise di passare allo status di squadra professionista. Per farlo serviva uno stadio più grande e la decisione ricadde sul St Quentin’s Avenue, impianto vecchio e decadente, in cui i giocatori erano costretti a cambiarsi nel retro di un magazzino situato all’esterno della struttura, raggiungibile solo camminando per diverse centinaia di metri.
Dopo tanto peregrinare, nel 1907 il Queens Park individuò nel Park Royal, uno stadio dalla capacità di 60.000 spettatori, lo stadio perfetto. Questa fu la casa del club fino al 1915, eccezion fatta per il 1912, l’anno del trionfo in Southern League, in cui il QPR giocò alcune sfide allo Stamford Bridge, a causa di uno sciopero dei lavoratori del carbone.
Il 1917 fu l’anno della svolta, in cui finalmente la squadra trovò pace e la stabilità tanto desiderata: con uno sforzo economico senza eguali fu acquistato il campo da calcio di proprietà di una piccola squadra amatoriale, con sede a Shepherd’s Bush, il Loftus Road.

di Antonio Marchese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Privacy Policy