Craven Cottage, casa del Fulham - Photo by Il Calcio a A Londra
La sveglia presa a Coventry sembra abbia fatto bene al Fulham, da allora manita di vittorie consecutive con addirittura 20 gol fatti, 1 solo subito e 4 clean sheet di seguito.
I Bianchi di Silva avevano giá inanellato una striscia di 5 vittorie consecutive, se includiamo pure quella in casa del Birmingham in EFL Cup, ma non cosí convincente.
Il 4-1 casalingo nel derby con il Qpr ha dato il lá ad una esibizione sontuosa di calcio d’attacco che ha letteralmente spazzato via le avversarie. E se con WBA e Blackburn hanno aiutato le espulsioni e i tremendi orrori difensivi, specialmente del club delle Midlands, e per una volta un episodio arbitrale a favore, la compagine di Londra ovest ha poi comunque legittimato i risultati mostrando una fame ed una incisivitá sconosciute nell’ultima campagna di Premier!
Una difesa spesso sotto la mano accusatoria ha chiuso i battenti per oltre 360 minuti. Ream e Odoi redenti agli occhi dei tifosi. Molto merito va poi a mio parere a Rodak, portiere con giá ampia esperienza internazionale grazie alla Slovacchia ma spesso messo in secondo piano per motivi che non sono ancora trasparenti. Gazzaniga é un portiere di sicuro valore ma tutta la difesa é sembrata beneficiare da quando Marco Silva ha rimesso il prodotto del vivaio titolare tra i pali.
In mezzo si é rivisto anche capitan Cairney che ha subito omaggiato la platea con una perla, Seri si é ritrovato, Reed confermato diesel difficile da passare. Lá davanti Kebano, a perfetto agio nella categoria secondo me perfetta per il suo talento ed il suo fisico, Bobby Reid, sempre tra i piú positivi e Wilson, a cui invece il livello va stretto, stanno suonando una sinfonia magica di cui Mitrovic é primo concertista di diritto. 19 reti in 16 partite sono numeri pazzeschi anche per chi la classifica marcatori l’ha giá vinta. Sorriso e voglia ritrovati, sponde, movimenti e sacrificio continui, i gol sono il risultato scontato del suo lavoro e della riconquistata serenitá.
La “table” come la chiamano gli inglesi recita secondo posto e 35 punti, a 2 sole lunghezze dal Bournemouth reso finalmente terrestre dalla debacle casalinga targata Preston N.E.
43 gol fatti, sono 16, sí 16 in piú del secondo miglior attacco mentre le 14 reti subite valgono la seconda miglior difesa a pari merito con il WBA.
I numeri non mentono, il calendario fa ben sperare con ora 3 partite di fila contro avversari nelle ultime 5 posizioni di cui 2 casalinghe di fila. Poi la trasferta di Preston e quindi la sfida che tutti stanno aspettando, soprattutto alcuni giocatori in maglia bianca con un sassolino nella scarpa da togliere e dedicare all’ex manager Parker. Dicembre si aprirá infatti con la visita del Bournemouth, manca quasi un mese peró ed i tifosi vogliono intanto godersi il momento, sperando in altro spettacolo, bel gioco e gol a grappoli. Per la sfida al vertice c’é tempo e chissá chi ci sará in vetta venerdí 3.12.
di Simone Abitante
Privacy Policy