Michele Padovano con la maglia del Crystal Palace - Photo by Twitter.com

Dalle stelle alle stalle. Michele Padovano a metà degli anni Novanta è uno dei giocatori italiani più richiesti in circolazione. Era stato acquistato dalla Juventus e la Nazionale lo teneva d’occhio per affidargli le chiavi dell’attacco azzurro. In bianconero però il poco spazio, concessogli da Marcello Lippi, lo spingono ad accettare l’offerta del Crystal Palace in Inghilterra. Una scelta forse troppo repentina che non ha portato i suoi frutti.

Michele Padovano con la maglia della Juventus - Photo by La Gazzetta dello Sport
Michele Padovano con la maglia della Juventus – Photo by La Gazzetta dello Sport

Le origini e su e giù per l’Italia

Classe 1966 nativo di Torino, bomber di razza di Provincia come quelli di una volta. Inizia a giocare a calcio nel Barcanova e poi nell’Asti. Il primo club a dargli un’occasione è il Cosenza in Serie B con cui segna 13 reti al primo anno da professionista. Gol che gli meritano la chiamata in Serie A col Pisa. Passa poi al Napoli, Genoa e Reggiana dove si conferma un attaccante di assoluto rispetto.

L’occasione alla Juventus

Dopo tanta gavetta in giro per l’Italia, arriva nel 1995 la chiamata della vita alla Juventus come risposata alla cessione di Roberto Baggio al Milan. La Vecchia signora è reduce dalla vittoria dello Scudetto e vuole dare l’assalto alla Champions League. In bianconero ci sono campioni di assoluto calibro, Padovano in attacco deve giocarsela con gente come Del Piero, Vialli e Ravanelli. Le occasioni di mettersi in mostra però non sono tante e il minutaggio è sempre a ribasso anche con l’arrivo di Filippo Inzaghi l’anno successivo, così dopo due stagioni e dodici gol decide di lasciare Torino. Infortunatosi in Nazionale, nell’autunno del ’97, la Juventus lo cede al Crystal Palace per 5,5 miliardi di lire.

 

Oltremanica

Padovano sbarca in Inghilterra dove trova un altro italiano, ex compagno di squadra alla Juventus: Attilio Lombardo.
Con le Eagles Padovano non rispetta le attese, in due campionati gioca solo dodici partite e mette a segno un solo gol contro il Leicester in trasferta. Un vero e proprio flop tanto da essere etichettato come uno dei 50 peggiori attaccanti che abbia mai giocato nel massimo campionato inglese, alla posizione numero 28.

Michele Padovano con la maglia del Crystal Palace - Photo by Twitter.com
Michele Padovano con la maglia del Crystal Palace – Photo by Twitter.com

La Francia e il ritorno in Italia

Lascia l’Inghilterra nel 1999 per approdare al Metz in Francia e poi chiudere l’anno dopo la carriera da calciatore al Como.

 

Il post ritiro

Appesi gli scarpini al chiodo è rimasto a lavorare nel mondo del calcio, come direttore sportivo alla Reggiana, al Torino, all’Alessandria, Pro Patria fino all’ultima esperienza al Casale terminata nel marzo del 2022.

 

di Lorenzo Petrucci

Privacy Policy