Londra, primi anni settanta

Londra, primi anni Settanta. Paul è un ragazzino timido e introverso che abita con la sorella e la mamma. Il padre vive in Francia ed è uno sfegatato tifoso dell’Arsenal. La prima volta che Paul va con il padre a vedere una partita dei Gunners si innamora subito del calcio e di quella squadra che gli fa battere il cuore sin da subito.

Photo by NowTv

In età adulta Paul diventa l’insegnante di
lettere in una scuola superiore londinese, diventando anche un punto di riferimento per i ragazzi, essendo anche il loro allenatore di calcio. Paul inizia a capire che oltre l’Arsenal c’è un mondo da scoprire e si innamora della signorina Sarah Hughes, insegnante di storia, severa, rigorosa e con una logica d’insegnamento distante da quella di Paul. Il 1989 nel Nord di Londra è un anno particolare, si aspetta con ansia la fine del campionato, che vede in testa proprio l’Arsenal di George Graham e Alan Smith.

Photo by Wikipedia

La vittoria del campionato

Paul ci spera, sogna la vittoria del campionato non sta più nella pelle, la sua squadra non vince il campionato da ben diciotto anni. Nel frattempo la relazione amorosa tra Paul e Sarah è in crisi: lui ha occhi solo per l’Arsenal
e lei si sente giustamente trascurata e messa in secondo piano. Quando Paul scopre che Sarah è incinta sembra aver capito che non esiste solo l’Arsenal e che “c’è un mondo che non si ferma a maggio e riparte di nuovo in agosto”. Paul non riesce però a desistere e l’Arsenal è troppo importante, I Gunners perdono una partita importante che rischia di mandare a monte la conquista del titolo e anche il suo rapporto con Sarah. L’inevitabile rottura della coppia arriva nel momento decisivo della stagione, l’Arsenal va a giocare la partita della vita ad Anfield Road, in casa del
Liverpool.

Highbury

Paul assiste alla partita nella sua casa situata nel quartiere di Highbury, a due passi dallo stadio, in compagnia di Steve, il suo amico di sempre. Nel frattempo Sarah, che sta partecipando a una festa della scuola dall’altra parte di Londra, non riesce a non seguire la partita dell’Arsenal che sta vincendo 1-0. Per laurearsi Campioni d’Inghilterra ai londinesi servirebbe un altro gol e in quel 26 maggio 1989 accade l’imponderabile.
Sarah è troppo innamorata di Paul e sotto sotto anche dell’Arsenal, così corre a prendere un taxi e si presenta sotto casa di Paul, che ormai disperato vive gli ultimi minuti del match in preda a una crisi di rabbia. Ad un tratto suonano alla porta e Paul tentenna ma dopo qualche secondo corre ad aprire, ma non trova nessuno. Attimo fatale, decisivo, fuggente: Michael Thomas si ritrova da solo nell’area de Liverpool, tutto solo dinanzi al portiere Bruce Grobbelaar.

Photo by Fanta Master

Steve

L’amico Steve chiama a gran voce Paul, che si precipita in cima alle scale, giusto in tempo per non perdersi l’ultima occasione, quella decisiva, in cui Thomas realizza il gol del 2-0. Dopo diciotto anni si avvera il sogno di Paul, che si precipita in strada a festeggiar insieme a tutto il quartiere. Paul canta e gioisce ma la gioia più grande è vedere Sarah che festeggia la vittoria dell’Arsenal con gli altri tifosi. Paul è l persona più felice del mondo:“Quando ripenso al 26 maggio 1989, non so spiegarmi esattamente cosa sia successo a entrambi. Beh, a tutti
tre se contiamo la squadra.

Photo by Ivid.it

Sarah e l’Arsenal

Però so una cosa: il mio rapporto
con l’Arsenal è cambiato quella sera. È come se fossi saltato
sulle spalle della squadra e questa mi avesse trasportato nella
luce che si irradiava di colpo su tutti noi. In quel momento,
in qualche modo mi sono sentito staccato dalla squadra. Oh
sì, ci frequentiamo ancora e io continuo ad amarla e insieme
a odiarla, ma ho la mia vita ora, i miei successi e i miei fallimenti
non sono necessariamente legati ai suoi. E questa è una
buona cosa, o almeno credo.”

di Antonio Marchese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Privacy Policy