Londra

Londra è una città nella città, un porto di mare con il suo vai e vieni e quel sano caos che non si ferma mai. Giorno e notte non fa differenza.
Il fascino di questa grande città è dato anche dalla grande multiculturalità, che la identifica come una delle metropoli più affascinanti del mondo intero.
Passeggiando di via in via, attraversando i quartieri da nord a sud, si è sempre accompagnati da profumi e odori diversi. Brasserie, english breakfast, ristoranti cinesi, locali pakistani, orto-fruttivendoli sul marciapiede, baracchini del pollo fritto, fast food, ristoranti italiani, coffe shop, negozietti di tè e biscotti, e il ristagno dell’odore forte di birra nei pressi dei pub: this is London!

Londra
Street Food London – Photo by Paula Vermeulen on Unsplash


Vivere a Londra obbliga di fatto ad affrettare i tempi, spesso già frenetici. Prendere il caffè al bancone del bar è quasi utopia. Infatti a Londra tutti sono abituati a bere il caffè mentre camminano. E così negli anni ha preso sempre più piede quello che viene chiamato street food, cibo di strada.

Londra
Street Food London – Photo by Pete Owen on Unsplash

Il cibo viene rigorosamente preparato per strada, consumato per strada, in un angolo di un mercato popolare, su una panchina sul lungo Tamigi, in mezzo a un parco oppure in metro, con l’immancabile profumo che si sperde in tutto il vagone. L’imbarazzo della scelta e del gusto è un bel dilemma, c’è sempre la curiosità di scoprire sapori e piaceri provenienti da differenti parti del pianeta. Uno dei mercati simbolo è sicuramente il Borough Market, ubicato al numero 8 di Southwark St, London SE1 1TL. Il market ha origini antichissime, che si collocano addirittura intorno al 1014, ma con molte probabilità esisteva già da prima.

Londra
Borough Market Londra – Photo by Il calcio a Londra

Da London Bridge fu trasferito a sud della Chiesa di St Margaret su High Street. Il caos che generava il mercato già dalle prime luci dell’alba creò parecchio scompiglio nella zona e tra gli abitanti dei quartieri limitrofi e fu così che nel 1756 fu rimesso in sesto presso un nuovo sito di 4,5 acri a Rochester Yard. Nel corso del diciannovesimo secolo diventò uno dei mercati alimentari più importanti di Londra e del mondo, grazie alla sua posizione strategica adiacente alle banchine portuali lungo il Tamigi.

Londra
Borough Market – Photo by Il calcio a Londra

La comunità italiana all’interno del Borough Market è fortissima e il cibo made in Italy era già tradizione ancor prima che venisse costruito lo Shard, il grattacielo di vetro alto 306 metri progettato da Renzo Piano. Al di là del fiume, a due passi da London Bridge ci si immerge nel mercato più antico di Londra, dove ormai da molto tempo è possibile perdersi tra gli odori e i sapori di questo luogo colorato e incantato. Guido è uno dei tanti italiani che nel 2004 decide di andare nella City a cercar fortuna, lavora proprio nel Borough Market con Peter Gott, proprietario di Sillfield Farm. Peter era un un allevatore di suini e cinghiali, tra i produttori di salsiccia più famosi del paese e della Scozia. Il Market da sempre ospita farmers da ogni parte e tra pasticceri artigianali, produttori di sidro e pescatori dell’ Isola di Man c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Tornando alla bancarella di Peter, uno dei piatti più amati nel tempo è stata sicuramente la Pork Pie della moglie, tradizionale torta salata inglese da consumarsi preferibilmente a temperatura ambiente.

Londra
Beigel Shop Londra – Photo by Kevin Grieve on Unsplash

Catapultandosi nell’East London, un salto a Brick Lane è una tappa obbligatoria. Sulla via del mercato, che attira l’attenzione di migliaia di turisti, troviamo i classici negozi che vendono i Beigel. Si tratta di pasta lievitata della cucina polacca ed ebraica, il cui impasto, a forma di grosso anello, viene cotto al forno dopo una breve bollitura in acqua. A Brick Lane li troverete in tutte le salse: ripieni di salmone, di macinato, oppure solo con prosciutto e formaggio. Camminando ci si perde e lo stomaco inizia a gorgogliare, infatti la via principale è un mercato a cielo aperto. Troverete qualsiasi tipo di cibaria, dalla cucina orientale, passando per quella europea arrivando alla tradizionale britannica.

Camden Town
Camden Town – Photo by Clem Onojeghuo on Unsplash

A nord-ovest troviamo lo splendido Camden Lock, a due passi dalla stazione di Camden Town. Mercato vivace, in cui ogni angolo è zeppo di leccornie e tra assaggi e cibo in bella vista sarà quasi impossibile desistere. Non fatevi pregare, prendete posto sulle panchine e appoggiate i gomiti ai tavoli di legno. Qui si respira aria di vero street food.

Londra
Camden Town Londra – Photo by Hert Niks on Unsplash

Se cercate un po’ più di raffinatezza allora Portobello Road fa al caso vostro. La frutta e la verdura vendono vendute ancora sui carretti, come si faceva ai tempi e si rivive l’atmosfera della Londra di una volta.

Covent Garden
Covent Garden – Photo by Raygar He on Unsplash

Il Chelsea Farmers Market nei pressi della Saatchi Gallery è un’altra valida alternativa, ma non dimenticatevi dell’ immancabile passeggiata nel cuore di Covent Garden, per poi fare un salto all’Apple Market. Il Greenwich Market è il classico ritrovo dei londinesi, ma all’ora di pranzo è invaso da orde di turisti famelici alla ricerca del souvenir e del regalo
perfetto. Il mercato coperto, che risale al 1700, è uno dei più famosi al mondo.

Londra
Greenwich market – Photo by Il Calcio a Londra

Altro mercato da cerchiare sulla mappa è lo Sheperd’s Bush Market, situato proprio a Sheperd’s Bush. Ci si mimetizza tra le bancarelle colorate del mercato situato sul lato est del viadotto ferroviario della linea Hammersmith e City Tube e delimitato da due strade. Si entra in Uxbridge Road e si esce a Goldhawk Road.

Londra
London Street Food – Photo by Artiom Vallat on Unsplash

Gli orari sono identici a quelli del Borough Market, aperto tutti giorni dalle 9.00 alle 18.00, chiuso la domenica. Il mercato risale alla prima metà del ventesimo secolo, inaugurato intorno al 1914, con i baracchini che inizialmente fiancheggiavano il viadotto ferroviario. Oggi, l’essenza è rimasta intatta. I singoli venditori offrono un’ampia varietà di prodotti, tra cui frutta fresca, piatti pronti e specialità afro-caraibiche.

Brixton
Brixton Village – Photo by Il Calcio a Londra

Se non è ancora abbastanza, avremmo da consigliarvi anche il Brixton Village, situato proprio dietro la stazione di Brixton. L’ingresso sembra più quello di un bugigattolo ma una volta entrati vi si aprirà un vero e proprio mondo. Spostandoci un po’ più a sud ci inseriamo nel contesto allegro dell’Haynes Market, mercato aperto solo nel weekend e situato in Haynes Lane, Upper Norwood. Tra bancarelle dell’antiquariato e diavolerie d’ogni genere basta scendere per la stradina che costeggia le graziose casette e vi troverete in un vero e proprio mercato italiano in cui non mancherà nulla, dalla pasta fresca al pane fatto in casa e ai salumi.

Haynes Market – Photo by Il calcio a Londra

Concludiamo il nostro tour con Chinatown, luogo animato dalla vicina Soho e colmo di cibi asiatici preparati secondo la tradizione. Ne abbiamo per tutti i gusti: sushi servito in lussuosi ristoranti, la classica formula all-you-can-eat, dove si paga solo in contanti e i tipici locali tradizionali, dove assaporare i ravioli e zuppe varie. Ottime anche le panetterie cinesi dove vengono serviti dolci e focacce tipici e fatti sul momento.

Non ci resta che augurarvi buon appetito!

Guido Falaschi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *