Erin lo yacht di sir Thomas Lipton - foto by live unique

Dalla Scozia all’America fino a Londra

La nostra storia ha orgini agli albori del calcio, e oggi vi parliamo di un personaggio storico del mondo calcistico: Sir Thomas Lipton.

Sir Thomas Lipton e’ conosciuto da tutti per essere lo storico fondatore di una delle marche di Tè più famose e vendute al mondo, ma pochi sanno che Lipton e’ uno storico ambasciatore del calcio mondiale.

Uno scozzese di origini umili, che dopo aver passato l’infanzia negli Stati Uniti, ritorno’ nel Regno Unito e si stabilì a Londra, da dove inizio la sua scalata come imprenditore di successo. Da tutti definito come un uomo che si e’ fatto da solo (hand self man), parti dal basso fino a diventare un impreditore di successo grazie alla sua impresa di importazione a Ceylon (che e’ l’attuale Sri Lanka), da dove importava il Tè che gli diede un successo economico non indifferente.

Oltre a essere un’imprenditore affermato, Sir Thomas era anche un grande appasionato di sport nel quale investiva buona parte dei suoi proventi della vendita del Tè.

Dopo un tentativo fallito di far decollare le barche inglesi da regata nella storica Coppa America (lui stesso era un grande appassionato di navi e barche, tantoché faceva i suoi viaggi intercontinentali al bordo del suo storico Yatch Erin), decise di dedicarsi a tutto tondo a diffondere nel mondo il gioco del calcio, che ai tempi di Lipton era ancora agli albori.

La Coppa Lipton

Il calcio allora era gia’ uno sport affermato in Inghilterra, che cominciava a essere giocato anche in altre nazioni, seppur a livello amatoriale con i primi tornei competitivi.

Fu cosi che preparo’ il suo Yacth Erin, e parti alla volta dell’Italia e del Sud America (tra Uruguay e Argentina), dove già si svolgevano i primi campionati.

In queste parti del mondo Sir Thomas investi cospicue somme per creare dei tornei che valorizzassero il gioco del calcio.

Iniziamo ricordando la famosa Coppa Lipton (di cui vi abbiamo gia parlato nell’articolo “Gli inglesi in Sicilia. La nascita di Messina e Palermo e i primi tornei competitivi), che per anni si gioco’ nel sud Italia, e vide alternarsi il Napoli e il Palermo come squadre vincitrici.

La Copa della Caritad

Un’altra Coppa simile la organizzo in Sud America tra l’Argentina e l’Uruguay, che allora erano le uniche nazioni attive a livello calcistico in sudamerica, e che chiamo’ “La Copa de Caridad Lipton” (Lipton Charity Cup). Una coppa che poteva solo essere giocata da giocatori nati in Argentina o Uruguay e i cui proventi andavano in beneficenza. Il torneo si giocava a Buenos Aires e Montevideo, con un alternanza di un anno tra le due citta’ sudamericane. Era un torneo che in caso di pareggio veniva assegnato alla squadra ospite. Fu una coppa che si gioco’ ad anni alterni fino al 1992, e prevedeva sempre la presenza di Argentina e Uruguay. Possiamo considerare questa coppa come la mamma di quella che poi sara’ la Copa America che si gioca ogni due anni tra le nazioni del Sud America.

Una prima versione della Coppa del Mondo

Infine a Lipton va anche il merito di aver organizzato un torneo quella che può essere considerato come il padre della Coppa del Mondo. Si tratta del “Sir Thomas Lipton Trophy“, che si giocava a Torino e che prevedeva la partecipazione di squadre provenienti dalla Germania, dalla Svizzera, dall’Italia e dall’Inghilterra. In questo storico primo torneo internazionale l’Inghilterra fu rappresentata da una squadra amatoriale chiamata West Auckland F.C. Si tratta della squadra di una città della contea di Durham. Allora era una squadra amatoriale che militava nelle leghe del nord, ed era composta principalmente da minatori (che allora popolavano le città del nord ricche di miniere).

Il West Auckland F.C fu assoluto protagonista del torneo, vincendo la prima edizione del 1909 e del 1911. Un traguardo storico e importante per questa città del nord dell’Inghilterra, che ci accoglie all’ingresso con una scritta: “Home of the First World Cup“.

Tre tornei storici che diedero competitività al calcio, e furono il lancio verso le competizioni internazionali che tutti conosciamo oggi.

Tutto questo grazie a Sir Thomas Lipton che possiamo considerare come il primo storico ambasciatore del calcio Internazionale.

Di Alberto Zingales

Privacy Policy