Scott Parker - Photo by Twitter.com

Non era nell’aria

Non era nell’aria l’uscita della Francia campione del mondo in carica. Le previsioni meteo davano per certo il caldo torrido per tutta la settimana. E si aspettava solo l’ufficialitá dell’addio di Parker alla panchina del Fulham.
Il segreto di Pulcinella dell’ultima settimana é finalmente andato con gli annunci in breve sequenza delle pagine ufficiali dei londinesi e del Bournemouth AFC. Appunto la nuova societá di Scott Parker. Le Cherries, uscite agli ultimi playoff per mano del promosso Brentford, ripartono quindi dall’ex nazionale inglese.

 

10 allenatori

10 allenatori diversi in 10 anni che diventeranno 11 tra poco, é invece l’infelice record del club sulle rive del Tamigi. Echi di Zampariniana memoria, se mi passate il termine voi piú maturi lettori.
La saga ora prosegue tra i bookies dove i nomi sono giá cambiati rispetto ad un paio di settimane fa quando inizió ad uscire la notizia dell’addio.

Fulham
Craven Cottage, stadio del Fulham – Photo by Il Calcio a Londra

 

I papabili

Mister Celtic, Neil Lennon, l’ex guida dello Sheffield United, Chris Wilder ed il nuovo che avanza, Steve Cooper, sembrano ora i 3 piú papabili da cui uscirá il nome. Anche se la clausola rescissoria di quest’ultimo, ancora sotto contratto con i gallesi dello Swansea, pareva escluderlo.
I tifosi rabbrividiscono poi al rumor della coppia Lampard-Terry, i colori dell’odiato Chelsea sulla pelle, non sarebbero davvero i benvenuti. Ma dal vulcanico baffuto proprietario dei Jacksonville Jaguars, non sorprenderebbe neppure cosí tanto.

 

Tra i più ricchi d’America

Nel 2020 Mr Khan é risultato il 66° uomo piú ricco d’America, vediamo dove finiranno alcuni dei suoi dollari quindi, quaranta giorni prima della partenza del campionato. E come evolverá il mercato dato che con la partenza di Scotty, giocatori come Mitrovic, Johansen e Knockaert potrebbero rimanere ed essere pedine indispensabili nel nuovo tentativo di risalita immediata degli Whites.
Finisce quindi il binomio Fulham-Parker, due ere appunto, giocatore prima, allenatore poi. Since 2013.

di Simone Abitante