Fulham

La speranza è l’ultima a morire

La speranza é l’ultima a morire recita il detto. Il Fulham ha alle spalle la grandissima rimonta dell’era Hodgson. La matematica ancora non condanna. Però, mamma mia quanti però 9 punti di distanza, finalmente a parità di gare, a soli 4 match dal termine della stagione. Significa doverle vincere tutte e sperare in qualunque divinità uno creda. O iniziare proprio a credere, aggiungo io. Gli uomini di Parker iniziano lunedì ospitando proprio il Burnley e chiuderanno la campagna contro il Newcastle.

Senz’anima

Ci arrivano dopo una serie di prestazioni brutte e senz’anima in cui hanno probabilmente buttato via quanto di buono fatto prima. Per avere una possibilità serve una sequenza di risultati davvero da jackpot Las Vegas style .Probabilmente sarà Championship, inutile nascondersi. La seconda retrocessione consecutiva dalla PL e tante, tantissime colpe .La fanta-politica di mercato di Khan Junior, a cui aveva quasi miracolosamente rimediato, tardi. Principalmente questo. Nessun back-up per Mitrovic fino al prestito di Maja. Una difesa tutta nuova e del tempo per collaudarsi. Ma soprattutto un problema che viene da lontano non può non essere conosciuto e affrontato. Questo problema infatti era già conosciuto in Championship: la difesa.

Fulham
Contrasto di gioco, Fulham vs Manchester City, 13-03-2021, Photo by Fulham Football Club Twitter Account

Senza esperienza

E poi i tanti prestiti, un manager bravo, attaccato ai colori ma senza esperienza. E chi più ne ha più ne metta. Poco mordente, poche soluzioni, acquisti mal riusciti, vedi il prestito di Loftus-Cheek, fantasma dalle poche giocate degne di menzione. In tutti i momenti clou si é fallito. Dal cucchiaio incubo di Lookman all’ultimo minuto con il West Ham, alla rimonta subita sopra di 2 gol a West Bromwich. Il destino ha giocato spesso, vittorie poco pronosticabili in casa di Leicester, Everton e Liverpool. Débâcle fragorose con Burnley, Leeds, Villa, Wolves. Non si é mai trovato il bandolo di una matassa che purtroppo, seguendone il filo, ora porta dritto alla retrocessione. Con l’amaro in bocca di una proprietà che fonda una nuova franchigia di wrestling mentre affonda il club più storico della Londra calcistica. 

Scott Parker
Scott Parker, allenatore del Fulham – Photo by Standard.co.uk

di Simone Abitante