Selhurst Park, stadio del Crystal Palace - Photo by Il Calcio a Londra

Dopo il pareggio infrasettimanale contro il Manchester United, un’altra partita casalinga per il Crystal Palace, che quest’oggi accoglie al Selhurst Park il Newcastle United. L’allenatore delle Eagles si dice soddisfatto dei propri giocatori, che stanno lavorando molto bene e con impegno e che oggi possono contare sul sostegno non indifferente della tifoseria. Il mister dei Magpies chiede ai suoi di non sottovalutare gli avversari che, guidati da un buon manager, potrebbero rivelarsi pericolosi, nonostante si trovino in dodicesima posizione, con 23 punti, mentre gli ospiti sono assestati in quarta e di punti ne hanno ben 38. Patrick Vieira sceglie un 4-2-3-1 con Odsonne Édouard in attacco e Wilfried Zaha, Eberechi Eze e Jordan Ayew subito dietro; Eddie Howe opta per un 4-3-3 che vede in campo da subito Joelinton, Miguel Almiron, Bruno Guimarães e Sean Longstaff. In porta Vicente Guaita (che ieri ha rinnovato il contratto fino al 2024), da una parte, e Nick Pope, dall’altra. Arbitra Craig Pawson. Tra gli spettatoti anche Gareth Southgate.

Primo tempo

Al 4’ primo cartellino giallo per Marc Guéhi del Crystal Palace. Dopo un inizio di partita abbastanza equilibrato, al 14’ il primo tiro in porta è ad opera di Dan Burn del Newcastle, parato dal portiere delle Eagles che, al 20’ para anche il tiro di Joelinton. Al 36’ una mischia nei pressi della porta impegna Guaita nel parare il destro di Joelinton. È un gioco nervoso e poco produttivo quello messo in campo nel primo tempo dai giocatori del Crystal Palace che tuttavia, negli ultimi minuti, riescono a generare un paio di occasioni interessanti, con Édouard, prima e con Chris Richard, poi. Prima di mandare le squadre negli spogliatoi sul risultato di 0-0, l’arbitro Pawson concede due minuti di recupero.

Selhurst Park, stadio del Crystal Palace - Photo by Il Calcio a Londra
Selhurst Park, stadio del Crystal Palace – Photo by Il Calcio a Londra

Secondo tempo

Il secondo tempo comincia con un Newcastle decisamente più agguerrito e intenzionato a sbloccare quanto prima il risultato, tant’è che al 53’ Callum Wilson ci prova con un tiro di testa che Guaita para sotto la traversa. Al 55’ le Eagles con Cheick-Oumar Doucouré riescono a fare capolino nell’area avversaria, costringendo Pope a respingere. Al 57’ è di nuovo il portiere delle Eagles chiamato a una parata: questa volta del destro di Joelinton, e subito dopo viene ammonito il suo compagno di squadra Kieran Trippier. Al 64’ intervengono ben tre cambi nelle fila del Crystal Palace: Michael Olise, Jean-Philippe Mateta e Will Hughes prendono il posto di Eze, Zaha e Jeffrey Schlupp. Al 69’ primi cambi anche per il Newcastle: entrano Allan Saint-Maximin e Alexander Isak in sostituzione di Joseph Willock e di Wilson; e un minuto dopo Vieira manda in campo Nathaniel Clyne al posto di Joel Ward. Al 72’ le Eagles con Mateta vanno alla ricerca del gol, ma Pope riesce a parare. Al 75’ cartellino giallo ai danni di Hughes del Crystal Palace. All’85 per il Newcastle Jacob Murphy prende il posto di Almiron. All’89 per le Eagles entra il diciassettenne Davis Ozoh al posto di Édouard. Al quarto e ultimo minuto di recupero riescono a farsi ammonire anche Olise e Joelinton. Al termine di un secondo tempo nel corso del quale le Eagles hanno sofferto e si sono viste costrette a resistere ai voli offensivi dei Magpies, le squadre lasciano il campo sul risultato di 0-0.

di Laura De Bernardi

Privacy Policy