Selhurst Park 1 marzo 2022 - Photo by CPFC Official

In questa quinta giornata (infrasettimanale) di Premier League si spalancano i cancelli di Selhurst Park per un “London derby” che si prospetta interessante e che vede il Crystal Palace ospitare in casa un avversario da non sottovalutare, il Brentford. Dopo la sconfitta di sabato contro il City, alle Eagles è chiesto di dimostrare di poter fare di meglio, in ciò aiutate e sostenute anche dalla tifoseria. Patrick Vieira, che può nuovamente avvalersi della presenza di Wilfried Zaha, opta per uno strano 4-1-4-1 che coinvolge, tra gli altri, Jean-Philippe Mateta, Eberechi Eze, Michael Olise e Joachim Andersen. Thomas Frank schiera le sue Bees in un 4-3-3 che vede in campo da subito Ivan Toney, Bryan Mbeumo, Mathias Jensen, Rico Henry e il ventenne Aaron Hickey. Tra i pali, da un lato, Vicente Guaita e, dall’altro, David Raya. Arbitra Simon Hooper.

Primo tempo

I primi dieci minuti ci mostrano un gioco equilibrato con le due squadre che sembrano studiarsi “sul campo” per poi (si spera!) decidere come muoversi all’attacco… E i primi a darsi una mossa sembrano essere proprio i padroni di casa, con Eze al 15’ (ma il suo destro esce di molto), e con Jeffrey Schlupp al 19’, parato senza difficoltà dal portiere ospite. Le Bees però non stanno e guardare: al 20’, su assist di Henry, Keane Lewis-Porter cerca la porta e il suo destro viene respinto da Guaita. Al 28’ Mateta, servito da Olise, tira troppo centrale e si fa parare. Si susseguono azioni offensive da una parte e dall’altra, con un maggior coinvolgimento del Crystal Palace e con Zaha e Mateta quali protagonisti principali. Al termine del primo tempo le due squadre tornano negli spogliatoi sul risultato di 0-0.

Selhurst Park 1 marzo 2022 Photo by CPFC Official
Selhurst Park – Photo by CPFC Official

Secondo tempo

Il secondo tempo inizia con la carica delle Eagles, nella fattispecie con un tiro di destro di Schlupp al 49’, parato da Raya, e con una traversa di Olise al 52’. Al 54’ primo cambio nelle fila del Crystal Palace: entra Odsonne Édouard al posto di Mateta. Finalmente al 59’ gli sforzi fin qui profusi dalla squadra di casa vengono premiati e trovano concretizzazione con la bella rete messa a segno da Zaha su assist di Cheick Oumar Doucouré. Al 68’ intervengono ben tre cambi per il Brentford: Mikkel Damsgaard, Frank Onieka e Josh Dasilva prendono il posto rispettivamente di Shandon Baptiste, Mbeumo e Keane Lewis-Potter. Al 71’ è proprio un tiro di sinistro del fresco Dasilva a infastidire Guaita, che riesce a parare. Subito dopo ecco il primo cartellino giallo della partita, ai danni di Hickey. Al 76’ ancora due cambi per le Eagles: Jordan Ayew e Luka Milivojević al posto di Eze e Schlupp. Al 78’ ben due tentativi consecutivi del Brentford, a cura di Toney, prima, parato da Guaita, e di Ben Mee, poi, che non riesce a centrare lo specchio della porta. Al 79’ ancora cambi: per il Brentford, Yoane Wissa e Saman Ghoddos al posto di Jensen e Hickey; per il Palace, Tyrick Mitchell al posto di Olise. All’83 viene ammonito anche Toney. All’88’ Wissa fa crollare i sogni delle Eagles andando a segno di testa su assist di Vitaly Janelt. Fino alla fine il Brentford attacca: al 93’ un tiro di destro di Henry, parato, e al 94’ una traversa di Mee. Poco prima del fischio finale, al 95’, riesce a farsi ammonire anche Doucouré. La partita termina sul risultato di 1-1.

di Laura De Bernardi

Privacy Policy