Chelsea-Aston Villa (Carabao Cup) - Photo by Il Calcio a Londra

A Stamford Bridge arriva l’Aston Villa che sfida il Chelsea nel terzo turno di Carabao Cup. Entrambe le squadre sono reduci da due vittorie nette nell’ultima giornata di Premier League. I Blues hanno sconfitto il Tottenham 3-0 nel Nord di Londra, mentre i Villlans hanno trionfato tra le mura amiche del Villa Park rifilando tre schiaffoni all’Everton.

Tuchel tiene in panchina i pezzi pregiati e schiera il tridente: Ziyech, Werner e Hudson-Odoi. A sorpresa gli ospiti partono con il piede pigiato sull’acceleratore e sfiorano subito la rete dopo appena otto minuti con Archer, che peró non rimane freddo e davanti a Kepa e spara alto da ottimo posizione. I Villans continuano ad affidarsi alle ripartenze in contropiede, i Blues tentano inveve di scardinare le maglie della difesa ospite ma l’Aston Villa con concede spazi. Timo Werner prova a fare tutto da solo al 40’ ma l’estremo difensore avversario fa buona guardia.
Sul finire della prima frazione i Villans hanno una clamorosa occasione ma Archer manca ancora il bersaglio grosso. Si va al riposo sul punteggio di 0-0.
Chalobah il migliore in campo dei padroni di casa. Ospiti spreconi sotto porta.

La ripresa si apre con i Blues a trazione anteriore, fuori Kante e dentro Mount. I Villans soffrono il pressing e Hudson-Odoi prova subito in riflessi del portiere avversario ql minuto 50, il diagonale del numero 20 non trova il bersaglio grosso. Al 53’ il Chelsea passa e fa esplodere lo stadio con Werner che di testa trafigge il portiere. Trascorrono appena due minuti ancora Werner ha la palla oer chiudere il match ma il diagonale finisce a lato.
L’Aston Villa non si scompone e al 64’ trova il pareggio con Archer, che questa volta non sbaglia e di testa fa 1-1.
La partita si accende, i Blues cercano subito di riappropriarsi del risultato ma i Villans resistono e provano anche a pungere. Tuchel butta nella mischia anche Lukaku che tiene in apprensione la difesa avversaria. Nonostante i cinque minuti di recupero la qualificazione si decide ai rigori.


Alla lotteria vince il Chelsea che trasforma quattro rigori su cinque, decisivo il tiro dal dischetto di James.
I Blues si qualificano al turno successivo di Carabao Cup.

Di Antonio Marchese