Pierre-Emerick Aubameyang

Dopo quattro anni si è conclusa la storia d’amore tra l’Arsenal e Pierre-Emerick Aubameyang. Le scorie degli ultimi tempi non hanno portato ad alcun accordo, se non quello per la separazione con tanto di risoluzione del contratto dell’attaccante gabonese. E ora per l’ex Milan e Borussia Dortmund c’è il Barcellona

Via gratis e firma con il Barcellona: 100 milioni la clausola rescissoria di Aubameyang

Alla fine l’Arsenal non ci ha guadagnato nulla in termini di cartellino dalla separazione con Aubameyang. I Gunners, però, si sono sbarazzati di un pesante contratto all’interno della squadra e di una presenza ingombrante nello spogliatoio, dal momento che il giocatore non godeva più della fiducia del tecnico Arteta. Ormai fuori dal progetto tecnico, ad Aubameyang era stata tolta anche la fascia da capitano. La beffa per l’Arsenal, come detto, è stata quella di non aver potuto ricavare nulla dall’uscita dell’attaccante. E pensare che nel gennaio 2018 era arrivato a Londra dal Borussia Dortmund per circa 65 milioni di euro. Ma l’addio di Aubameyang era ormai nell’aria e, per questo, inevitabile. Dopo la risoluzione del contratto con i Gunners, il giocatore ha raggiunto l’accordo con il Barcellona, firmando un contratto fino al 2025 con opzione per concordare l’addio il 30 giugno 2023. Nel comunicato del club spagnolo si legge anche la cifra fissata per la clausola rescissoria: 100 milioni di euro.

Arsenal
Aubameyang in azione con l’Arsenal – Photo by Arsenal official

Quanto guadagnerà Aubameyang al Barcellona?

E le cifre dello stipendio? Il 32enne gabonese ha rinunciato anche a diversi milioni per raggiungere Barcellona. Fino a giungo Aubameyang guadagnerà tra i 2 e i 3 milioni di euro lordi. Con una situazione economica più rosea in casa Barcellona a partire dalla prossima stagione (è quello che si augurano da queste parti), lo stipendio del giocatore potrebbe essere più corposo. Da svincolato dunque Aubameyang è approdato in Spagna, un ultimo colpo di mercato al fotofinish per il “nuovo” Barcellona targato Xavi Hernandez.

A cura di Sergio Pace

 

Privacy Policy