West Ham

In uno degli anticipi che apre questo turno infrasettimanale di Premier League il West Ham ospita il Watford che ha di recente esonerato Claudio Ranieri. Le due squadre sono in due situazioni completamente differenti: Il West Ham è infatti quinto in classifica, ad un solo punto dal Manchester United, mentre gli ospiti sono in 18esima posizione ed in piena lotta per la salvezza.

David Moyes schiera gli Hammers con il tipico 4-2-3-1 con tutti i titolari presenti tranne gli infortunati Ogbonna e Masuaku mentre Roy Hogdson, subentrato a Ranieri, schiera gli Hornets con un 4-4-2

Primo Tempo

La partita si apre con un continuo possesso palla degli Hammers mentre gli ospiti attendono e puntano su ripartenze e contropiedi per far male ai padroni di casa. La prima vera occasione del match arriva al 17° per il Watford: gli uomini di Hogdson ripartono in contropiede, Kamara crossa e trova la testa di Kucka che però non inquadra lo specchio della porta. Nella prima mezz’ora di gioco gli Irons producono solo possesso palla e nessuna azione offensiva a differenza degli Hornets che si dimostrano più attivi in attacco, poche comunque le emozioni. Gli uomini di Moyes si svegliano solo al 36° minuto di gioco e trovano la loro unica occasione da gol nel primo tempo: Bowen lancia Benrahma che però colpisce il palo destro.

Secondo Tempo

La seconda frazione di gioco parte su ritmi molto simili a quelli visti nei primi 45 minuti. Nessuna delle due squadre sembra avere la forza per proporre qualche azione realmente pericolosa e le emozioni sono poche anche in questo secondo tempo. Al 61° Moyes prova a cambiare qualcosa per dare una scossa ai suoi: fuori Benrahma e dentro Lanzini per provare ad ispirare le azioni offensive degli Hammers. Nei minuti che seguono questo cambio il West Ham spinge maggiormente e cerca di imporre il suo gioco agli avversari che rispondono sempre cercando il contropiede ed in particolare sfruttando la velocità di Dennis. La partita pare vivacizzarsi ed al 69° minuto arriva anche il vantaggio della squadra di casa: segna Bowen grazie anche ad una deviazione di Samir. Dopo il gol gli uomini di Moyes tentano di mantenere il controllo della palla ed addormentare la partita. Una buona occasione per gli Hornets arriva al 75° con un tiro da fuori area di Cleverly che viene però parato da Fabianski. All 85° è ancora Bowen, dopo il gol, a rendersi protagonista sfiorando la doppietta: Foster però con una buona parata evita il gol. Nella parte finale del match gli Irons sono ormai in controllo ed in grado di chiudere gli avversari nella loro metà di campo.

Un match sicuramente più divertente nella seconda fase di gioco si chiude con la vittoria degli Hammers per 1-0: decisivo Bowen.

 

DI FEDERICO IEZZI

Privacy Policy